Chi sono

Giovanni PorcuTalvolta mi domando che cosa mai avrei potuto fare di diverso nella mia esistenza se la fotografia non mi avesse accompagnato fin dalla nascita!

Mio padre mi mostrava acidi e sviluppi con la stessa facilità che un qualsiasi altro padre avrebbe usato per giocare con le costruzioni o in giardino. Io seguivo ed imparavo questo gioco della vita e me ne nutrivo, tanto che, ancora adolescente, ero già pronto per il mio primo servizio matrimoniale.

Gli odori del laboratorio li sento ancora dentro di me, anche in questa era digitale che ha abbondantemente sostituito i vecchi ed elaborati sistemi e ancora provo una certa nostalgia per quei luoghi magici.

La mia posizione, quasi sempre dietro la macchina fotografica piuttosto che davanti, mi ha portato ad avere un discreto patrimonio fotografico dei generi più vari che solo in tempi recenti ho messo in mostra.

E’ stato Castelsardo, città in cui vivevo, ed in particolare l’antico castello dei Doria, il primo luogo ad ospitare le mie esposizioni fotografiche, alcune accompagnate dai versi in lingua locale del poeta Giuseppe Tirotto, con il quale ho realizzato un libro-fotografico intitolato appunto “Castelsardo“.

Devo alla mia grande passione per questa disciplina il mio essermi improvvisato organizzatore, sempre a Castelsardo, di eventi fotografici importanti quali il 1° e 2° Festival Internazionale della Fotografia “Prometia“, che ha visto la partecipazione di importanti personalità del mondo nazionale ed internazionale della fotografia, con i quali ho avuto occasione di confronto e dai quali ho tratto dei grandi insegnamenti per la mia professione.

Come fotografo opero e lavoro, ormai da parecchi anni, per la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Sardegna. Questo mi ha consentito l’esplorazione di ambiti diversi e il mio addentrarmi nel misterioso mondo dell’archeologia che, con i suoi mille spunti verso la quotidiana vita, ha rimandato la mia curiosità verso gli usi e costumi tradizionali della nostra Sardegna.

Frutto di questo lavoro sono i primi due volumi della collana “Festas” della Isola Editrice, dedicati al Carnevale ed ai Riti della Settimana Santa in Sardegna. Il materiale fotografico è stato ospitato in due diverse mostre promosse dall’Amministrazione Comunale di Sassari: “Carnevali” e “Morì sulla Croce – Riti della Settimana Santa in Sardegna” ospitate nella cornice antica della Sala Duce di Palazzo Ducale.

Immagini dello stesso genere mi sono state “carpite” e pubblicate nei più disparati volumi e cataloghi, per cui sono un pò dappertutto almeno nell’editoria isolana ma non nego che qualcosa è sfuggita anche all’estero!

Quello che so talvolta lo insegno, persino nelle scuole pubbliche! E dai risultati ottenuti sui miei allievi, che continuano a consultarmi, devo ammettere che forse qualche nozione l’ho trasmessa!

Sono ancora in un periodo in cui posso imparare e sempre vorrò farlo, così come vorrò camminare sui sentieri molteplici di quest’arte basata sui colori, anche quando questi sono due, come il bianco e nero, o mille come nel variegato mondo della natura.

Buon click a tutti!

Pubblicazioni…»